Domanda MAD e Chiamata diretta : facciamo chiarezza, ultime novità

Domanda MAD e Chiamata diretta : facciamo chiarezza, ultime novità 1Recentemente il Ministro dell’Istruzione Bussetti ha dato il via alla procedura per l’abolizione della famosa chiamata diretta, per le candidature dei docenti attraverso il modello di domanda mad questo cosa comporta? In questo articolo cerchiamo di chiarire alcuni punti e capire l’abolizione della Chiamata Diretta cosa comporta per le MAD.

Domanda MAD e Chiamata diretta : facciamo chiarezza, ultime novità

Da quando il Ministro dell’Istruzione Bussetti si è insediato al Miur sono molte le novità che sono state introdotte nella scuola pubblica, una di queste è sicuramente l’abolizione della chiamata diretta, un’abolizione raggiunta anche grazie all’appoggio dei sindacati della scuola CGIL, UIL, CISL e Gilda.

L’abolizione della chiamata diretta elimina di fatto la facoltà da parte dei dirigenti scolastici di assumere all’interno dell’istituto docenti senza di fatto usare criteri totalmente oggettivi e trasparenti e che quindi garantisce al dirigente stesso l’uso di particolare discrezionalità nella scelta dei docenti.

L’abolizione della chiamata diretta non elimina in maniera definitiva la norma (legge 107/2015) che al momento resta comunque in vigore, fino a quando non verrà emanato un intervento legislativo che elimini completamente la normativa di legge.

Domanda MAD e Chiamata diretta : facciamo chiarezza, alcune precisazioni

L’abolizione della chiamata diretta va ricordato che non riguarderà tutti i tipi di convocazione che i dirigenti scolastici possono effettuare, la chiamata diretta riguarda infatti una particolare categoria di docenti ossia coloro neo immessi in ruolo che molto spesso devono affrontare articolate procedure di assegnazione nell’ambito territoriale.

Con le novità introdotte per quanto riguarda il passaggio dall’ambito territoriale alla scuola, i docenti che avranno la priorità saranno coloro che hanno chiesto ed ottenuto il trasferimento secondo quanto previsto dal Contratto di Mobilità.

In un secondo momento verranno attribuite le scuole per punteggio: i docenti con punteggio più elevato, saranno i primi a poter scegliere la scuola di assegnazione a partire da quella scelta su Istanze Online, che, se manca, sarà considerata quella capofila nell’ambito di cui il docente è titolare.

Messa a Disposizione e Chiamata Diretta cosa cambia?

Abbiamo visto quali sono le novità in materia di chiamata diretta e quali categorie di docenti riguarda, per quanto concerne la domanda di messa a disposizione possiamo dire che non cambierà assolutamente nulla in quanto i dirigenti scolastici potranno comunque usare questo strumento per le convocazioni delle supplenze.

I docenti potranno sempre e comunque inviare le domande di mad e i dirigenti scolastici potranno continuare ad attingere dalle Mad per le supplenze, anche le possibilità di essere contattati tramite le domande Mad restano del tutto invariate.

Vi ricordiamo che per avere tutte le informazioni sulla Mad potete leggere la guida completa nella home page del sito, mentre se cercate i Modelli per presentare la domanda Mad li trovate di seguito:

Sending
User Review
2 (4 votes)